Finanziamento per imbarcazioni

Autore Maria José Lemos
17/01/2019

Se si vuole comprare una barca, ma non si dispone del budget necessario, sul mercato esistono delle opzioni di finanziamento che consentono di acquistare l’imbarcazione desiderata.

  • Un'imbarcazione può essere pagata a rate come  una casa, ricorrendo a un mutuo nautico o un prestito personale, o come un'automobile, tramite leasing o noleggio.
  • Prima di scegliere tra le varie opzioni di finanziamento, è importante valutare le condizioni e i vantaggi di ognuna di esse e applicarla al proprio caso.

finanziamento Esistono diverse opzioni di finanziamento che consentono di acquistare l’imbarcazione che si desidera.

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una tendenza al ribasso dei tassi bancari, e anche gli enti finanziari sono diventati molto più restrittivi per quanto concerne la concessione dei prestiti. Se si è in possesso dei requisiti necessari e si preferisce pagare la propria barca a prestazione, può avere senso utilizzare un finanziamento.

A seguito di una ricerca online si potranno trovare molti fornitori di servizi finanziari che offrono varie soluzioni e agevolazioni per la nautica da diporto - in alcuni casi sembra addirittura che ciò si riduca alla semplice compilazione di un modulo. Tuttavia, la realtà è ben diversa quando si osservano i dettagli e le condizioni proposte, poiché come in qualsiasi altro credito al consumo, non tutto è come sembra e non sempre si ottengono le condizioni più vantaggiose.

Prestito personale e mutuo nautico

È possibile acquistare una barca ricorrendo ad un prestito personale, che rientra nei normali schemi del credito al consumo, oppure optare per un finanziamento nautico ipotecario. Nella pratica, entrambe le forme di finanziamento consentono di acquistare un’imbarcazione dilazionando il pagamento in rate mensili che prevedono la corresponsione degli interessi pattuiti. Nel caso del credito con ipoteca, la barca serve da garanzia per il prestito concordato con la banca. Scegliere l’una o l’altra opzione di solito dipende dal prezzo dell’imbarcazione che si intende comprare: potrebbe essere più interessante considerare un prestito personale se il prezzo non supera i 35.000 euro e optare per un mutuo nautico se il prezzo supera tale importo.

Tuttavia, le barche non durano a lungo come una casa, si svalutano rapidamente e sono soggette a vari tipi di rischi, pertanto, i mutui nautici non godono delle stesse condizioni dei mutui ipotecari relativi agli immobili e il costo finanziario è solitamente più elevato, dato che anche i tassi applicati sono alti.

Come funziona il mutuo nautico

Il prestito ipotecario permette appunto di ipotecare la barca per finanziare l’acquisto; si tratta dello stesso principio che vale per il muto di una casa: la garanzia è costituita dal bene acquistato. Attraverso il mutuo nautico è possibile ottenere un finanziamento fino all’80% del valore stimato della barca. La durata massima è di 10 anni e il tasso di interesse di riferimento è l’Euribor, sebbene il differenziale sia solitamente più elevato rispetto alle case.

Se si opta per tale forma di finanziamento, è necessario inoltre prendere in considerazione i costi associati, che sono ripartiti in spese notarili, imposte e spese di apertura e chiusura della pratica.

Per completare correttamente il processo di vendita di un’imbarcazione, è importante conquistare la fiducia dell’acquirente sin dall’inizio. È possibile acquistare una barca ricorrendo ad un prestito personale oppure optare per un finanziamento nautico ipotecario

Come funziona il prestito personale

Un’altra forma di finanziamento per l’acquisto di una barca è negoziare un prestito personale con la propria banca o, anche, con la società finanziaria con la quale il punto vendita ha stipulato un accordo, nel caso in cui offrano condizioni più vantaggiose.

In questo caso non vi è il limite dell'80% come nel mutuo ed è possibile finanziare l’intero acquisto, cioè si può ottenere un prestito del 100% dell’importo. Inoltre, non sarà necessario sostenere i costi associati ad un mutuo. Tuttavia, questi vantaggi hanno un prezzo e il tasso di interesse di un prestito personale è solitamente superiore a quello delle ipoteche.

Il leasing nautico

Molti concessionari e rivenditori di barche offrono la possibilità di accordare un leasing per finanziare l’acquisto di un’imbarcazione. In Italia il leasing rappresenta già da diversi anni l’opzione preferita, come anche in Francia in Spagna e in Portogallo.

Il leasing nautico è un contratto di noleggio con opzione di acquisto a lungo termine, che si applica alle imbarcazioni da diporto. Questo tipo di leasing (italiano) è disponibile per le imbarcazioni nuove del valore minimo di 75.000 euro (per i privati) e di 30.000 + IVA (per le imprese).

Il principio è lo stesso del leasing relativo alle automobili: la finanziaria compra l’imbarcazione e ne cede l’uso. I pagamenti vengono effettuati mensilmente e, dopo il periodo concordato, è possibile esercitare l’opzione di acquisto e comprare la barca, pagando il valore residuo previsto nel contratto. Il leasing consente di frazionare il pagamento dell’IVA e parte del valore della barca, pagando un anticipo tra il 20% e il 40% del prezzo di acquisto e permettendo un finanziamento fino al 100%.

La durata dei contratti di leasing può arrivare fino ad 8 anni. Il tasso può essere fisso o variabile e dipende dall'Euribor.

Il leasing nautico è un contratto di noleggio con un'opzione di acquisto a lungo termine che si applica alle imbarcazioni da diporto. Il leasing nautico è un contratto di noleggio con un'opzione di acquisto a lungo termine che si applica alle imbarcazioni da diporto.

Il leasing in Spagna e in Francia

I contratti di questo tipo di leasing disponibili sul mercato francese e spagnolo sono simili al leasing italiano descritto sopra, con la differenza che vengono stipulati con barche locali ed hanno termini e valori minimi diversi. Il principale vantaggio di questi contratti è quello di poter beneficiare di un regime di IVA più favorevole se vengono soddisfatti determinati requisiti. È consentito stipulare contratti anche di 4 anni con anticipo fino al 4%; essi inoltre godono di agevolazioni sull’IVA, applicabile alle barche sotto i 500.000 euro e di dimensioni inferiori a 10 metri. È raccomandabile interpellare un consulente che possa determinare se questa è la miglior forma di finanziamento per il tipo di barca che si intende acquistare, per l’utilizzo che se ne vuole fare, per l’area di navigazione, etc.

In Spagna, invece, il leasing è disponibile per le imbarcazioni nuove del valore minimo di 50.000 euro, che verranno utilizzate in Spagna e registrate nella lista  7ª (svago, privato) o 6ª (charter, professionale). Le condizioni dei contratti di leasing possono essere negoziate da un minimo di 24 mesi fino a 120 mesi. Il tasso variabile dipende, anche in questo caso, dall'Euribor.

È possibile anche acquistare una barca già in leasing, dal momento che si può effettuare la cessione del contratto a proprio nome, sempre che si sia in accordo con l’ente finanziatore e che si soddisfino i requisiti richiesti.

I contratti di leasing rappresentano una valida opzione anche per l'acquisto di imbarcazioni di seconda mano che abbiano meno di 4-5 anni e di cui non sia stata pagata l'IVA. Nel caso questa sia già stata pagata, potrebbero essere più favorevoli altre opzioni di finanziamento che, invece dell'IVA del leasing, prevedono il pagamento di un’imposta per il passaggio di proprietà del 4%.

Il noleggio nautico

Il noleggio è una forma di finanziamento simile al leasing che ha il vantaggio di poter essere applicato a piccole imbarcazioni e molto più economiche, oltre ad includere altri costi operativi (ormeggio, assicurazione, etc) frazionando il pagamento mensile al punto da pagare solo il carburante, mentre tutto il resto va a prestazione. Tuttavia, la durata del contratto è solitamente più breve di quella del leasing (non superiore ai 90 giorni) e il tasso di interesse è fisso.

In ogni caso, il finanziamento di una barca va valutato nel tempo, studiando le varie opzioni, oltre a quelle che la banca o il punto vendita possono offrire.