Tipi di barche da pesca

Autore Angelo Colombo
07/11/2019

Il mercato delle imbarcazioni dedicate alla pesca sportiva è molto vario, per questo conoscere le caratteristiche di ogni tipologia è fondamentale nella scelta della barca giusta.

Barche da pesca

Andare a pesca significa dotarsi di attrezzatura adeguata, tecnica affinata con il tempo e naturalmente anche del mezzo adatto e capace di soddisfare le tue aspettative in mare. Qualsiasi barca può essere in grado di offrirti la piattaforma galleggiante per la tua attività alieutica, ma le barche nate per la pesca hanno caratteristiche che le rendono maggiormente efficaci. Innanzitutto la scelta del mezzo dipende anche del tipo di pesca che si vuole effettuare, considerando che dai kayak da pesca alle navi da diporto di oltre 24 metri di lunghezza la varietà è davvero tanta. Inutile dire che se la nostra passione è davvero senza freni sarebbe bello poter avere più di una barca, ma naturalmente sebbene abbiamo voglia di andare in mare, dobbiamo rimanere con i piedi per terra. Una delle cose da tenere in mente quando decidiamo di acquistare la nostra barca da pesca è che non sarà il mezzo a fare il pescatore, perché l’esperienza e la tecnica faranno sempre la differenza. 

In questo articolo descriviamo 6 differenti tipi di barche da pesca:

Kayak o gommone

Un kayak o un gommone e un motore elettrico di 3 o 4 HP, i remi o la pagaia, sono ingredienti sufficienti per vivere battute di pesca memorabili.

Un kayak da pesca può essere un buon modo per mettere alla prova la nostra esperienza senza investire troppo denaro, vivendo l’attività di pesca in modo semplice dal punto di vista logistico, ma allo stesso tempo con molte emozioni. Possiamo trasportare il kayak sul tetto della nostra auto e, se ci piace la vela e desideriamo una maggiore velocità, è possibile optare per i modelli dotati anche di un po’ di tela da mettere al vento. Alcuni kayak prevedono degli accessori che servono a rendere più facile la vita a bordo come portacanne multipli e cassette per le prede. I kayak da pesca si sono diffusi rapidamente negli ultimi anni, per questo i produttori hanno sviluppato numerosi accessori specifici che rendono la vita dei pescatori più facile e piacevole durante l’attività di pesca.

Hobie Mirage Pro Angler 12 Hobie Mirage Pro Angler 12: kayak da pesca ideale ed economico per pescare in solitaria.

 I gommoni a motore o a remi sono mezzi molto validi anche come tender di barche più grandi, hanno un prezzo abbordabile e sono facili da condurre e da gestire anche a terra. Con un battello pneumatico possiamo lasciare i familiari all’ancora sulla barca delle vacanze e allontanarci per vivere al meglio la giornata di pesca per  condividerne successivamente i risultati. Sebbene di dimensioni ridotte, per la pesca in solitaria o anche in due un piccolo gommone si rivela un mezzo adeguato per gli spazi che ha da offrire. Naturalmente per le attrezzature bisognerà organizzarsi al meglio dal momento che le dotazioni di bordo sono davvero scarne. 

Lancia a motore fino a 6 metri 

Un’opzione molto valida è anche la lancia di cinque o sei metri di lunghezza, molto utile non solo per uscire in passeggiata con la famiglia, ma anche perché dotata di portacanne. È consigliabile prevedere subito un riparo per il sole, perché se decidiamo di stare fuori una giornata intera a pesca su questo tipo di mezzi non esiste alcun tipo di riparo. Queste barche sono abbastanza economiche, facili da condurre e da gestire. 

Un esempio interessante in questo senso è la Bayliner CC5 Element, un'opzione molto interessante per chi ha un budget limitato, ma che permette comunque di affrontare battute di pesca costiera per le quali ha tutto ciò che serve. Con meno di cinque metri di lunghezza, può essere condotta senza patente se dotata di un motore inferiore a 40,8 HP, può trasportare fino a sei persone e pertanto è idonea tanto alla pesca con qualche amico quanto alle uscite con la famiglia. Lo scafo è abbastanza stabile, aspetto molto importante quando peschiamo tanto a moto lento così come all’ancora. Una cosa molto interessante è la formula con cui Bayliner propone questo mezzo, includendo un pacchetto di accessori dedicati alla pesca che include vasca del vivo per le esche, portacanne e sedia da combattimento prodiera. In questo caso si può installare una protezione dai raggi solari efficace e dai costi contenuti. 

Bayliner element cc5 Bayliner Element CC5: barca molto stabile dotata della configurazione essenziale per la perfetta giornata di pesca. 

Consolle centrale 

Se decidiamo di entrare nel mondo della pesca a bordo di un’imbarcazione più solida, abbiamo a disposizione un tipo di barca il cui design è stato concepito e sperimentato appositamente per la pesca. Il design “center console”, che permette di muoversi a bordo da poppa a prua, è sempre agevolato da un piano di calpestio libero da ingombri. Questa soluzione lascia a bordo molto spazio utile soprattutto quando si vuole affrontare una battuta di pesca in compagnia di altri amici appassionati. Boston Whaler propone il modello 240 Dauntless Pro, che prevede un design innovativo, tipico delle barche più grandi.

Boston Whaler 240 Dauntless Pro: imbarcazione progettata per i pescatori. Boston Whaler 240 Dauntless Pro: imbarcazione progettata per i pescatori.

L'immagine della Tuna tower, tipica delle barche statunitensi note come “fisherman”, è presente nell'immaginario di ogni pescatore. Questo modello include un ingegnoso sistema per guidare dall’alto un’imbarcazione di soli 7,52 metri di lunghezza. Può sembrare un po’ scomoda per una gita in famiglia, ma è un'ottima idea per chi ha intenzione di praticare la pesca sportiva.

Boston Whaler Outrage Boston Whaler Outrage: la soluzione ideale per la pesca sportiva.

Barca cabinata piccola

In alternativa possiamo optare per una barca cabinata che offre una maggiore autonomia e persino la possibilità di dormire a bordo. Un buon esempio è il modello Barracuda 8 del cantiere francese Beneteau, ma in questo specifico segmento ci sono molte opportunità, come quella del cantiere italiano Tuccoli Boats, che ha recentemente presente il suo nuovo Tuccoli T280 Fuoribordo. Queste imbarcazioni sono polivalenti, ma nascono per soddisfare le esigenze del pescatore sportivo: dotate di scafi stabili e veloci e in grado di affrontare il mare anche in condizioni impegnative, hanno dotazioni specifiche come vasche per esca e pescato, tavolo di preparazione per le esche e portacanne. Queste barche si rivelano anche idonee alla crociera costiera con la famiglia grazie alla presenza di una cabina e di un comodo bagno. 

Beneteau Barracuda Beneteau Barracuda 8: barca da pesca che, con questa configurazione, offre una doppia cuccetta e la toilette.

Barca da pesca-crociera

Ovviamente, se il nostro budget ci consente di superare i 10 metri di lunghezza, il ventaglio di scelte si amplia significativamente, permettendoci di scegliere barche statunitensi, italiane, francesi e spagnole. Un classico di questa categoria è la Rodman 1250, barca da crociera di 12,90 metri che può essere ordinata direttamente con l’equipaggiamento necessario per praticare la pesca d'altura. Allo stesso tempo offre il calore e il comfort di una barca abitabile con due cabine doppie, cucina e un soggiorno comunicante con il posto di comando interno. All’esterno troviamo il flybridge e il pozzetto molto comodo per muoversi e tanto spazio sufficiente per riporre tutta l’attrezzatura da pesca. Con un serbatoio di 1220 litri di carburante, l'autonomia è elevata e la motorizzazione adeguatamente potente per spingersi verso spot di pesca distanti. Tra le possibilità offerte dal cantiere iberico troviamo anche l’IPS, trasmissione che permette di ottimizzare ulteriormente i consumi offrendo doti di manovrabilità ormai apprezzate su larga scala. Sicurezza e comfort anche nel corso delle crociere con la famiglia sono gli elementi che rendono questo modello sicuramente interessante per i pescatori sportivi.

Rodman fishercruiser Rodman 1250: cruiser familiare robusto, sicuro e confortevole che si adatta molto bene ad un programma di pesca d'altura.

Catamarano

Un’alternativa sempre più apprezzata anche sul mercato italiano è rappresentata dai catamarani, nati con uno scopo prettamente crocieristico ma apprezzati dai pescatori sportivi che possono contare su stabilità e spazi molto elevati. Un esempio ci è offerto dal cantiere francese Fountaine Pajot con il suo MY37, che con la sua lunghezza totale ancora in una fascia accettabile (11,02 metri), sfoggia spazi all’aperto e al coperto impensabili su un monoscafo di pari dimensioni. Per i pescatori sportivi il catamarano è una piattaforma che assicura diversi vantaggi, come la stabilità, i grandi spazi per le attrezzature, la possibilità di posizionare portacanne in posizioni diverse sia lungo le murate sia sulle parti più alte e, infine, la possibilità di cucinare le prede come se fossimo a casa. In questo caso parliamo di catamarani a motore che per allestimento possono essere dotati di tutto ciò che serve al pescatore sportivo. Un ulteriore esempio ci è fornito dal cantiere italiano C-Catamarans di Roma con il suo C-Cat 40 Powerfish. Sviluppato pensando principalmente agli amanti della pesca sportiva, presenta diversi accessori e soprattutto soluzioni tecniche raffinate, con tanto di fly e divergenti e plancia poppiera che si può alzare o abbassare per agevolare il recupero delle prede più grandi. 

Fountaine Pajot MY37 Fountaine Pajot MY37: catamarano con grande stabilità e ampio spazio, molto più di una piattaforma da pesca.

Come abbiamo detto in precedenza, gli Stati Uniti sono da sempre i capi scuola nella produzione di imbarcazioni da pesca, sebbene Francia, Spagna, Italia e anche paesi dell’Est europeo abbiano lunghe tradizioni in merito. La differenza è nel numero delle proposte e nello sviluppo di mezzi nati pensando alla pesca ricreativa d’altura anche con barche di dimensioni contenute, fino ad arrivare a oltre 80’ e quindi entrare nel segmento delle navi da diporto. Viking, Hatteras, Cabo, Pursuit, Tiara, Boston Whaler, Intrepid, Albemarle, Regulator, Wellcraft, Bertram, Edge Water…questi sono solo i nomi più noti della produzione americana dei fisherman. Da non trascurare anche la produzione australiana con cantieri come Riviera, Maritimo, Stinger Boats e altri che in quanto a pesca sportiva sono sicuramente dei riferimenti. 

Tante opzioni provenienti da lontano e da vicino, perché l’Italia vanta una cantieristica nautica importante anche nel settore delle barche da pesca. Abbiamo accennato a Tuccoli, cantiere storico da sempre impegnato in questo specifico segmento, ma troviamo anche Blue Game, Dellapaqua, AL Custom e altri cantieri che in quanto a qualità non hanno nulla da invidiare ai brand stranieri. 

Maggiori informazioni: 

Come scegliere una barca da pesca

Consulta l’offerta di barche da pesca su iNautia