Velista dell'anno 2021

Autore Giorgio Andena
26/04/2021

Come ogni anno torna la rassegna che premia chi, sulla base delle preferenze del pubblico, risulterà il velista che ha emozionato di più grazie alle sue imprese. Scopriamo insieme i 10 finalisti e i vincitori del premio giunto alla sua 30esima edizione.

Velista dell'anno 2021

Dopo il successo per due anni consecutivi di Ambrogio Beccaria, ecco la lista dei 10 (+1 dovuto a un pareggio nelle votazioni)  finalisti che si contenderanno il premio ‘Velista dell’anno’ 2021. L’edizione di quest’anno propone una novità: verrà infatti assegnato un’ulteriore premio al miglior velista degli ultimi 30 anni.

Quest'anno, per la prima volta, il premio è andato ad un team: Luna Rossa Prada Pirelli. La squadra, rappresentata dal presidente Patrizio Bertelli, dal team manager Max Sirena, dal timoniere Checco bruni e dal randista tattico Pietro Sibello, è formata da 120 persone; l’avventura in Coppa America di Luna Rossa ha riportato finalmente la vela nelle case degli italiani e la sconfitta in finale con i neozelandesi per 7-3 rappresenta comunque il miglior risultato della storia per l’Italia alla competizione sportiva più antica del mondo. Un premio meritatissimo!

Finalisti 2021

Simone Camba

Con la sua associazione NewSardiniasail Simone Camba, poliziotto che utilizza la vela come mezzo di recupero e riscatto sociale. Ragazzi con problemi giudiziari o familiari, migranti, poveri. Lui fa di tutto per trasformarli in marinai e dar loro un futuro.

Marta Magnano

Seguitissima sul web, a gennaio del 2019, all’età di 28 anni (classe 1991), ha deciso di fare il grande salto e trasferirsi a vivere a bordo di Churingas, barca a vela di 10 metri, trasformandola nella sua “barca dolce barca” con cui girare il mondo. 

Franceso Bruni

Il timoniere di Luna Rossa è uno dei velisti italiani in attività più completi, eclettici e titolati: in 30 anni di carriera sportiva ha al suo attivo 7 titoli Mondiali, 5 Europei e 15 Nazionali in varie classi, dal Laser all’altura, dalla Star al 49er ed è stato primo nel ranking mondiale ISAF di Match Race nel 2011.Ha partecipato a tre olimpiadi ed è vicecampione del mondo nella classe Moth. Questa è la sua quinta America’s Cup, la quarta con Luna Rossa.

Andrea Baldini

Il “Principe”, così è chiamato il più veloce windsurfista italiano. Campione europeo windsurf speed nel 2009, è stato il primo “paisà” a planare a oltre 40 nodi di velocità sulla sua tavola. Oggi è il creatore ed organizzatore dell’evento Prince of Speed, dove vince chi va più veloce in condizioni di vento forte e mare piatto, sui 500 metri e sul miglio nautico.

Pietro Sibello

Il randista dell’AC 75 Luna Rossa, Velista dell’Anno 2010, è un campione indomito. Con il fratello Gianfranco è stato il più bravo interprete della classe 49er in Italia. Nel 2008 si è visto “strappare” dal collo il bronzo olimpico per una vera e propria scorrettezza perpetrata da un equipaggio avversario e non sanzionata dai giudici di regata, nel 2012, anno nel quale avrebbe dovuto prendersi la rivincita a Londra, un angioma gli ha impedito di partecipare alle Olimpiadi. Ma si tratta di un campione indomito, che ha sempre saputo rialzarsi e superare le difficoltà. E ora ci fa sognare in Coppa America.

Max Sirena

Non puoi dire Luna Rossa senza Max Sirena. Max è alla sua settima partecipazione all’America’s Cup (e ne ha vinte due, con gli americani e i neozelandesi). Con il team Luna Rossa del suo amico Patrizio Bertelli ha partecipato alle sfide del 2000, vincendo la Louis Vuitton Cup, e del 2003 e 2007 nel ruolo di aiuto prodiere. È diventato quindi Skipper e Team Director di Luna Rossa nella campagna per la 34esima America’s Cup, tenutasi a San Francisco nel 2013. Oggi, sempre nel ruolo di Skipper e Team Director, è alla guida del team Luna Rossa Prada Pirelli nella sfida per la 36esima America’s Cup.

Paul Cayard

L’unico Velista dell’Anno non italiano fu Paul Cayard, mitico timoniere americano del Moro di Venezia di Raul Gardini, che arrivò a giovarsi i la Coppa America nel 1992. Starista di assoluto livello (campione mondiale nell’88), ha trionfato con la squadra italiana all’Admiral’s Cup del ’95 e alla Whitbread (oggi conosciuta come Volvo Ocean Race) del ’97 al comando della svedese EF Language. Oggi si è tagliato i suoi famosi baffi, ma è sempre fortissimo sui campi di regata.

Luca Bassani

Luca Bassani ha “reinventato” la nautica a partire dal 1989, portandola a livelli di comfort e di easy sailing fino ad allora impensabili. I suoi Wally hanno settato nuovi standard: andare in barca deve essere prima di tutto semplice. Come dice lui, “l’eleganza viene di conseguenza”.

Patrizio Bertelli

La magnifica ossessione dell’imprenditore si chiama Coppa America e fa bene alla vela italiana. Giunto alla sua quinta sfida con Luna Rossa,è l’uomo che può ancora farci sognare, a distanza di oltre 20 anni dalla sua prima esperienza in America’s Cup.

Giancarlo Pedote

Una vita per la vela, la sua. Sacrifici e duro lavoro, gli ottimi risultati alla Mini Transat (quarto e secondo posto), il grande ottavo posto al Vendée Globe da poco concluso (nessun italiano ha fatto meglio di lui). Il marinaio fiorentino, Velista dell’Anno 2016, è un esempio: se vuoi, puoi.

Rebecca Geiger

Un vero e proprio dominio al Campionato Europeo di Optimist in Slovenia nella classifica femminile, quello della triestina Rebecca Geiger. Dietro di lei un’altra italiana, Luisa Vucetti. Dietro, il vuoto. Rebecca farà sicuramente parlare di sé.

Velista dell'anno 2021 - Ambrogio beccaria Ambrogio Beccaria, velista milanese vincitore della Mini Transat 2019, si è aggiudicato le ultime due edizioni del ‘Velista dell’anno’.

Il velista italiano che ha sbaragliato i francesi: intervista ad Ambrogio Beccaria

Altri premi

Oltre al premio al velista dell’anno e quello al miglior velista dell’anno, il Giornale della vela consegna una serie di premi ai navigatori che si sono distinti per qualità particolari.

Il Velista dell’Anno TAG Heuer 2021

Va al velista che ha saputo emozionarci di più nella stagione passata. Il migliore in assoluto dell’anno.

Vincitore: Team Luna Rossa Prada Pirelli

Il Velista dell’Anno TAG Heuer Epic

Il più forte tra i più forti velisti degli ultimi 30 anni.

Vincitore: Paul Cayard

Incredibile l’affetto che il pubblico nutre ancora nei confronti di Paul Cayard, a distanza di 29 anni dall’avventura del Moro di Venezia di Raul Gardini, che lo vide, al timone, protagonista nella finale di Coppa America. Il ricordo dell’Italia è indelebile nella testa di Cayard, che ha persino una figlia nata in Italia, Alessandra.

TAG Heuer #don’tcrackunderpressure

A chi ha dimostrato di non mollare mai anche sotto pressione.

Vincitore: Giancarlo Pedote

Giancarlo Pedote, ha chiuso il Vendée Globe, giro del mondo in solitario senza scalo, all’8° posto, miglior italiano di sempre, dimostrando la sua capacità di non mollare mai.

TAG Heuer Innovation

A chi ha dato un particolare contributo nel mondo della progettazione e dell’innovazione.

Vincitore: Luca Bassani

Se oggi sulla vostra barca da crociera potete regolare le vele dal timone, lo dovete a quest’uomo. Luca Bassani ha reinventato la vela degli ultimi 30 anni con i suoi Wally, rendendola facile e accessibile e conquistando così il premio Innovation.

TAG Heuer Performance

A chi ha ottenuto risultati grazie a un certosino lavoro di ricerca sulle prestazioni.

Vincitore: Andrea Baldini

L’uomo che vola sul suo windsurf oltre i 40 nodi e che ha creato l’evento Prince of Speed dove sono stati infranti centinaia di record mondiali di velocità sull’acqua, Andrea Baldini, si è guadagnato il premio Performance riservato a chi ha fatto della ricerca delle prestazioni il suo stile di vita.

TAG Heuer Young

A un giovane talento della vela agonistica italiana.

Vincitore: Rebecca Geiger

Il premio TAG Heuer Young è stato vinto dalla triestina Rebecca Geiger, 14 anni e grinta da vendere. L’anno scorso ha vinto il Campionato Europeo femminile di Optimist e davanti ha un futuro radioso.

Most Voted

Va al candidato che ha ricevuto più preferenze dal nostro sondaggio web sommando le varie fasi di selezione.

Vincitore: Simone Camba

Con 13.418 voti totali, Simone Camba è stato il candidato che ha ricevuto più preferenze nella storia del Velista dell’Anno. Un grande attestato di stima dal pubblico per questo velista per quanto fatto dal velista in materia di inclusione sociale con la sua associazione “Newsardinia Sail”.

TAG Heuer Passion

A chi tra 100 candidati iniziali ha saputo tramutare la sua passione per la vela in uno stile di vita.

Vincitore: Marta Magnano

Non è forse passione pura per la vela mollare la vita terrestre e trasferisi a vivere a bordo di un Grand Soleil 34 a soli 28 anni? Marta Magnano, che ora di anni ne ha 30, proprio come Il Velista dell’Anno, è la vincitrice del premio Passion, dedicato a chi ha saputo tramutare la passione per la vela in uno stile di vita.

Albo d’oro

2021 Team Luna Rossa Prada Pirelli

2020 Ambrogio Beccaria

2019 Ambrogio Beccaria

2018 Dario Noseda

2017 Gaetano Mura

2016 Giancarlo Pedote